GFC architecture - Istituto alberghiero di Ariano Irpino
GFC architecture - Istituto alberghiero di Ariano Irpino
GFC architecture - Istituto alberghiero di Ariano Irpino
GFC architecture - Istituto alberghiero di Ariano Irpino
GFC architecture - Istituto alberghiero di Ariano Irpino
 

L'ambiente urbano è un ecosistema fatto di equilibri, memorie e relazioni che si creano lentamente e perdurano nel tempo. Con la demolizione dell'Hotel che occupava il sito nella sua interezza, il sistema di spazi pubblici dislocati lungo la via Traiana di Ariano Irpino si è arricchito di un belvedere panoramico che rivela ai passanti valli sconfinate ed i resti del Castello Normanno. Cosi, invece di aggiungere elementi al contesto, il nostro progetto procede per sottrazioni successive: definire i vuoti che generano i volumi e svuotare questi ultimi al loro interno fino a renderli permeabili.

Il programma della scuola viene quindi racchiuso in un volume compatto dove il pianoterra è completamente trasparente con l'obiettivo di favorire l'interazione Scuola/Città.

Un grande scalone interno collega i due livelli d'ingresso al nuovo Istituto e diventa parte di una promenade verticale che conduce i visitatori attraverso la scuola fino al tetto panoramico. Per incrementarne la flessibilità, tutti gli spazi interni, inclusi quelli di circolazione, sono stati pensati per accogliere più di un programma.

Ai criteri oggettivi della sostenibilità si aggiungono quelli di una durabilita` in senso lato, quali la bellezza, la qualità della luce naturale, il rapporto con il contesto e la proporzione degli spazi. Nascono così edifici capaci di durare nel tempo, e andare oltre la loro stessa funzione.

dati

cliente

- Comune di Ariano Irpino

anno

- 2017

costo

- 8 M € HT

superficie

- 5400 m2

programma

- Scuola primaria

fasi

- Concorso

certificazioni

- Non richiesto

progettisti

architetto mandatario

- GFC

en   fr   it
Questo sito utilizza solo cookie tecnici. Non venogono utilizzati cokies di profilazione! Se vuoi saperne di più clicca qui.
OK